Il posto segreto di Davide a Mutignano

Il posto segreto di Davide a Mutignano

Davide (Rusty il selvaggio), vive nel borgo di Mutignano (321 m s.l.m.) da una vita insieme a Marco,
Leonardo, Vincenzo ed altri che hanno trascorso almeno un’estate a lavorare al Cirillo e a volte vado a trovarli,
anche per sentire le loro storie come quella di quando sono rimasti bloccati  dalla neve,
mentre beviamo un amaro al bar o gustiamo la pasta alla pecorara da Francesco al Bacucco d’Oro.

Se da Pineto salite il crinale dell’immaginazione,
per arrivare al borgo e lasciarvi alle spalle le spiagge assolate e chiassose,
vi troverete in un intreccio di vicoli di origine medievale, con dei murales dipinti su alcune facciate delle case,
un forno di cose buone, la barberia di Samantha.
Un angolo di pace.

Ma, scambiate quattro chiacchiere con Pasquale l’olivicoltore (il vero operatore turistico della zona),
la strada che imbocca è accanto alla chiesa e porta giù, verso le fasce.
Ecco, andiamo verso il luogo segreto,
quello che ognuno di noi ha e dove non vige altra legge
se non quella della libertà assoluta.

La vista da qui non è quella che si gode salendo verso il borgo,
il meraviglioso panorama sul mare, e neppure quella magnifica dal belvedere,
che ospita la Pineta Castellaro (2.000 mq di verde tra querce, frassini e pini),
ma sui Calanchi, il magico fenomeno erosivo del terreno,
in cui 2 milioni di anni fa vi erano i fondali marini
(oggi ricoperti da scarsa vegetazione ma ricchi di fossili, che l’argilla fa brillare di notte).

C’è sempre un gomitolo intricato di verde e spine a riparare e proteggere il “posto segreto”.
Lo scenario della natura davanti a me è di assoluta bellezza: lo spettacolo dei calanchi,
il magico fenomeno erosivo del terreno, un tempo fondali marini,
che ora l’argilla fa brillare di notte, la campagna, il silenzio.
Vivo per un attimo fuori dal tempo e dallo spazio, come sull’isola di Peter Pan.
E così, qualcuno dovrebbe però dirlo in tempo.
Dire che forse un giorno te ne dimenticherai di quel posto e degli amici che ci trovavi.

 

 

2021-04-18T21:55:16+00:00